Il saluto di Roma a Gigi proietti. La diretti di Daniele Goretti per AgoraTv.it

di Daniele Goretti

Ancora una giornata di profonda commozione, di ricordi, di emozioni nel segno di Gigi Proietti, quella vissuta oggi da Roma e dai suoi cittadini con i funerali del poliedrico personaggio che ha segnato la storia dello spettacolo italiano. Il corteo funebre è partito dal Campidoglio, dove ieri era stata allestita la camera ardente per permettere a tanti di dare l’ultimo saluto a Gigi, e dopo il giro attorno al Marco Aurelio, come si confà solo alle grandi personalità, si è diretto verso Villa Borghese per arrivare poco dopo mezzogiorno a piazza del Popolo, alla Chiesa degli artisti, dove si sono svolte le esequie in forma strettamente privata, per volere dei famigliari ma anche per permettere il massimo rispetto delle normative anti Covid. E a Villa Borghese c’è stata latappa intermedia del feretro di Gigi Proietti, altrettanto toccante e spettacolare, quella al Globe Theatre, dove lo ha accolto il saluto dei tanti artisti che lo hanno conosciuto, con lui hanno collaborato e soprattutto, a sottolineare il ruolo di grande maestro di recitazione quale è stato, con lui si sono formati e hanno imparatotanto del mestiere dell’attore. Lo scenario dei tanti interventi toccanti da parte di diverse personalità come Marisa Laurito, Pino Quartullo, Valentina Marziali (la prima Giulietta al Globe), Paola Cortellesi, Edoardo Leo, Enrico Brignano per l’ultimo commiato a Gigi, non poteva che essere il teatro in stile elisabettiano, omaggio alla Londra Shakespeariana, che egli fondò proprio nel “polmone verde” di Roma, grazie alla Fondazione Silvano Toti in collaborazione con l’allora Amministrazione Veltroni. Proprio l’ex Sindaco di Roma ha chiuso con un corposo ed evocativo discorso la lunga scaletta di interventi succedutisi sul palco del Globe, al cospetto del feretro dell’amico e maestro Proietti, che probabilmente avrà assistito divertito da lassù a tutti questi ricordi e contributi. Mentre fuori, per le vie della sua Roma, lungo il tragitto toccato dal corteo funebre, ma anche nei quartieri che hanno avuto a che fare con la vita dell’artista, il suo popolo gli attribuiva lacrime e applausi come è giusto che sia per un grande Maestro che è stato soprattutto l’attore di tutti, nella sua lunga carriera tra teatro, cinema e Tv, con i suoi molteplici personaggi ha saputo strappare una risata o una riflessione a ognuno di noi, così come in ognuno di noi è entrata un po’ della sua istrionica personalità. Ciao Gigi.

Daniele GorettiCRONACA
Il saluto di Roma a Gigi proietti. La diretti di Daniele Goretti per AgoraTv.it di Daniele Goretti Ancora una giornata di profonda commozione, di ricordi, di emozioni nel segno di Gigi Proietti, quella vissuta oggi da Roma e dai suoi cittadini con i funerali del poliedrico personaggio che ha segnato la...